giovedì 15 ottobre 2015

Recensione: "L'importanza di chiamarsi Cristian Grei" di Chiara Parenti

Titolo: "L'importanza di chiamarsi Cristian Grei
Autore: Chiara Parenti
Editore: Rizzoli
Sinossi
Cristian Grei ha trentadue anni e una sola, acerrima nemica: E. L. James, che con le sue 50 Sfumature gli ha rovinato la vita. Tutte le donne, infatti, appena sentono il suo nome, vedono in lui un dominatore in 3D e l'incarnazione delle più proibite fantasie erotiche. Ma se vivi a Prato, fai il becchino nell’agenzia di onoranze funebri di famiglia e sei ipocondriaco, avere il nome "uguale" a quello del più grande amatore di tutti i tempi, che si sposta in elicottero ed è a capo di un’azienda leader mondiale,può creare una costante e fastidiosissima ansia da prestazione.
Solo Antonella, l'amica di sempre, è in grado di divertirsi giocando con lui e tenere a bada le sue mille ansie, ma soprattuto è disposta ad amarlo per quello che è realmente.
Cristian Grei riuscirà finalmente a capire che è lei la donna giusta? E soprattutto sarà “pronto a riceverla”?
Dall'autrice di Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) e Con un poco di zucchero una nuova e divertente commedia che vi ossessionerà e legherà fino all'ultima pagina.





Questa estate ci fu un'iniziativa su Amazon per acquistare, ad un prezzo stracciato, alcuni ebook della serie YouFeel. Avendo tutta l'intenzione di aprofittarne, mi imbattei in questo romanzo dhi Chiara Parenti, dal quale rimasi piacevolmente sorpresa.
E' bello ogni tanto leggere con spensieratezza e con un po' di sano umorismo,riuscendo a coinvolgere quella parte di noi estremamente romantica."L'importanza di chiamarsi Cristian Grei" di Chiara Parenti riesce in tutto ciò con grande naturalezza,facendoci sorridere e trasformando il sogno erotico di milioni di donne in un ragazzo comunissimo,estremamente impacciato,ipocondriaco e terribilmente nerd di Campo Bisenzio.A tutto questo mescoliamo il fatto che come lavoro fa il becchino et voilà!La magia è compiuta.Si ride in questo romanzo,si sogna,ci si commuove a alla fine si chiude il libro con un sorriso ebete e trasognante.Potrei obiettare alla Parenti un po' di prolissità in alcuni punti,ma si sorvola facilmente a tutto ciò con la risata che parte e sdrammatizza al momento giusto.Ho avuto modo di confrontarmi con entrambe le versioni del signor Grei/Grey e credo che il vincente in tutto questo,sia il mio caro becchino.In un solo romanzo,mi ha fatto innamorare.Grazie Chiara Parenti per avermi emozionato.
Dal suo sofà
la vostra

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...