martedì 20 ottobre 2015

Recensione: "Prendimi per mano"(The Ivy years#1) di Sarina Bowen

Titolo: "Prendimi per mano" The Ivy years#1
Autore: Sarina Bowen
Editore: DeA

Sinossi
Corey Callahan non avrebbe mai immaginato di iniziare il college inchiodata su una sedia a rotelle. È bastato un attimo, un maledetto attimo, per infrangere i sogni di una vita e rovinare una promettente carriera sportiva. Corey è convinta che nessuno al mondo possa capire come si senta… Almeno finché non incontra Hartley, il ragazzo che abita nell’appartamento di fronte al suo. Hartley è bello, affascinante e gentile.
E ha smesso di giocare a hockey a causa di una frattura alla gamba che lo costringe a trascorrere i pomeriggi sul divano.
L’amicizia tra Corey e Hartley è immediata, una scintilla che illumina i loro cuori. E così, tra stampelle, confidenze e risate a tarda notte, Corey inizia a sentirsi di nuovo se stessa. Di nuovo felice.
Come se la vita avesse finalmente ricominciato a sorriderle ora che Hartley
è lì insieme a lei. Ma c’è un piccolo problema: lui è fidanzato, con una ragazza assolutamente perfetta. E Corey non vuole compiere un passo sbagliato. Perché questa volta inciampare significherebbe cadere, e non rialzarsi mai più…




Potrei definire questo romanzo di Sarina Bowen un concentrato di dolcezza,forza e ironia. Nonostante tratti un argomento molto delicato come l'handicap fisico,la Bowen riesce nell'intento di farlo passare quasi in secondo piano,portando l'attenzione sui protagonisti e la loro complicata relazione,Hartley e Corey.
Corey è una ragazza che in seguito ad un infortunio avvenuto durante una partita di hockey,riporta un danno permanente al midollo spinale e da quel giorno la sua vita è condannata,le sue gambe ormai non le appartengono più,l'unica cosa che può permetterle qualsiasi spostamento è quella dannata sedia a rotelle.
Nonostante tutto remi contro di lei,Corey non si arrende,non si ferma,non si concede nessuna pausa e si iscrive al college,come se nulla fosse cambiato nella sua vita.
Appena arrivata,Corey fa subito amicizia con Dana,la sua nuova compagna di stanza e con il ragazzo che le abita di fronte,Hartley.
Ma chi è Hartley?Hartley,è un ragazzo incredibilmente ironico e pieno di vita,è il giocatore della squadra di hockey del college,uno dei più bravi e uno dei più ambiti dalla parte femminile dell'istituto,momentaneamente costretto all'inattività visto l'infortunio alla gamba che lo ha bloccato per un anno.
E' normale che tra i due nasca subito un amicizia,vista anche la comprensione per la "storpitudine" reciproca che li unisce,anche se Hartley capisce subito che il suo dramma è cosa da poco in confronto all'handicap di Corey.
Da qui il loro rapporto di amicizia diverrà sempre più stretto e profondo,complice anche la passione per l'hockey di entrambe e delle piccole abitudini che si concederanno,come il giocare ai videogame il venerdì sera,che i due prenderanno nel frequentarsi.
Tra loro tutto è concesso,battute ironiche sulla loro condizione fisica,confidenze,complicità e comprensione che solo due persone con lo stesso problema possono capire.
Ed è proprio questo che farà capitolare Corey,il fatto che Hartley non la tratti come se fosse un delicatissimo oggetto di cristallo,non abbia con lei quelle assurde attenzioni che altro non fanno se non accentuare il suo handicap,arrivando al punto di non farla più sentire desiderabile,minando il suo sentirsi donna e quasi indegna di essere amata.
Ma di Hartley è davvero impossibile non innamorarsi.
La storia è narrata dal punto di vista di Corey,con qualche sporadico intervento di Hartley.
Divertentissimi i dialoghi immaginari di Corey con la fatina della speranza,quella fatina a cui tutte noi donne ci rivolgiamo ogni qualvolta che speriamo che l'impossibile diventi possibile,soprattutto quando si tratta di uomini.
Un viaggio attraverso argomenti delicati e sentimenti,che riesce a mettere l'handicap fisico in secondo piano. Ed è proprio questo a dare una marcia in più a questo libro,perchè quel che conta non sono le barriere ma l'amore. 




Dal suo sofà
la vostra


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...