domenica 27 dicembre 2015

Recensione: "La piccola bottega dei ricordi" di Annelise Corbrion

Buonasera followers
dopo aver fatto da infermiera al mio cane malaticcio, mi ritaglio un attimo per stare con voi e distrarmi un po' dalle preoccupazioni che questo piccolo esserino porta nella mia vita!
Sentivo proprio il bisogno di una lettura poco impegnativa, dopo il libro di Jael McHenry e devo dire che "La piccola bottega dei ricordi" di Annelise Corbrion è stata decisamente la scelta più giusta.

La piccola bottega dei ricordi
 di Annelise Corbrion
Pagine: 206 Editore: Fabbri Editore Life


   
˙·٠•●♥ Sinossi ●•٠·˙

Una fotografia è molto più di un oggetto. Spesso custodisce un momento di felicità perfetta ed eterna. Lo sa bene Emma, che nel suo piccolo atelier nel cuore di Londra restaura foto antiche, e ama scrutare quei volti sconosciuti, e restituire ai ricordi degli altri lo splendore che il tempo ha rubato. Quando un giorno uno di quei volti prende vita, Emma pensa di aver bevuto un bicchiere di troppo. Ma l’uomo della foto, scattata nel 1940, le invia dei messaggi chiedendole di compiere per lui una piccola missione: ritrovare il suo primo, unico, grande amore per restituirle la spilla che lui le aveva regalato poco prima di morire. Per Emma questo è solo l’inizio: presto si trova coinvolta in piccole e grandi storie che richiederanno parecchia inventiva per essere risolte. Fino a che uno di quei messaggi non riguarderà proprio lei. Lei e l’affascinante giornalista che ha appena conosciuto. Nel suo passato, Nathaniel nasconde un trauma che gli ha lasciato una cicatrice indelebile.
Con una vecchia fotografia di sua madre e le pagine del diario che la donna ha scritto poco prima di morire, Emma deve tentare di scoprire quello che è successo, ma la missione più difficile è convincere Nathaniel che amare è ancora possibile…


˙·٠•●♥ Recensione ●•٠·˙

Emma fa un lavoro decisamente interessante e al di fuori del comune, è una restauratrice di foto, ma con quelle lei in un certo senso restaura anche i ricordi perchè cosa sono le foto se non ricordi di un attimo di felicità catturato dalla pellicola? Un istante impresso nella nostra memoria e che non andrà più via.

E’ proprio per questo che Emma è così soddisfatta del suo lavoro, restituire e ridar vita a quegli attimi e vedere i suoi clienti uscire dalla sua piccola bottega con un sorriso di pura gioia e qualche lacrima di commozione la ripaga di tutto.
E proprio grazie al lavoro e al conforto della sua migliore amica Lexi, Emma riesce a superare anche il vuoto dovuto al fatto di aver perso da poco i genitori.
Un giorno, restaurando una foto, Emma si accorge che uno dei soggetti ritratti nella foto cerca di comunicare con lei, all’inizio crederà di esser “vittima” del troppo alcool ingerito finchè una strana e-mail recapitata al suo indirizzo di posta elettronica le farà capire che il signor Marty, l’uomo ritratto in quella foto, è proprio con lei che vuole parlare e che non è affatto ubriaca.
Quando si renderà conto che quello che le sta accadendo è reale, Emma deciderà di aiutare il signor Marty a ritrovare la pace e a ridar pace anche a sua moglie, la cliente che le ha portato la foto da restaurare.
Da quel momento Emma diventerà una sorta di centralinista tuttofare per l’aldilà, ritrovandosi ad alleviare le sofferenze e le pene dei defunti e dei vivi.
Proprio svolgendo una di queste commissioni, conoscerà Nathaniel, affascinante giornalista del Sun, che in poco tempo farà breccia nel suo cuore.
Destino vuole che ben presto, una delle commissioni, riguarderà proprio Nathaniel e questo porterà profondi turbamenti in lei, ma la cosa si rivelerà così importante che Emma metterà a rischio tutto quel che ha pur di portare a termine il suo ingrato compito.
Decisamente non è un capolavoro, ma devo dire che dopo dei libri abbastanza impegnativi dal punto di vista psicologico, questo è quello che ci voleva.
Un libro leggero, scritto bene, con una trama interessante e senza pretese, che dosa bene amore, mistero e ironia, con l'aggiunta di quel tocco di suspense che non guasta mai.
Ho solo un piccolo “rammarico”, scritto in maniera più approfondita, dando più spessore ai personaggi e arricchendo la trama, poteva essere un BEL libro invece di un libro CARINO!
Consigliato a chi vuole staccare un attimo per immergersi in una storia gradevole.


Torno al mio cucciolo, augurandovi una serena notte!
La vostra


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...