domenica 10 gennaio 2016

Recensione: "Nell'angolo più buio" di Elizabeth Haynes

Buonasera paginette ^-^
Siete pronti a cominciare un'altra settimana? Io non tanto, visto che si tratterà di una settimana senza nessuna festa, piena di cappuccini, caffè e clienti "ladri di Dietor"! :(
Come se non bastasse, avrò meno tempo per leggere, quindi ho approfittato di questo fine settimana per dedicarmi ai miei libri e rilassarmi ;)

Nell'angolo più buio
di Elizabeth Haynes 
Pagine 445 Editore Giano


˙·٠•●♥ Sinossi ●•٠·˙
Catherine è una ragazza che ha sempre vissuto irresponsabilmente la sua giovinezza, tra party, alcol e partner occasionali, quando incontra Lee. Sguardo rude ma diretto, prestante d’aspetto e risoluto nei modi, Lee infrange subito il suo cuore. Il tempo necessario per un romantico corteggiamento e Catherine accetta, senza alcuna esitazione, di andare a vivere con lui. La scelta si rivela impeccabile nei primi mesi di convivenza: Lee è affettuoso, pieno di premure e attenzioni. Appare stranamente sfuggente soltanto quando viene interrogato sul suo lavoro, ma Catherine, innamorata com’è, non fa attenzione a questa trascurabile reticenza. Poi, gradualmente, attraverso segni appena percettibili, piccole scenate di gelosia, critiche per un’acconciatura o per un abito troppo eccentrico, il clima muta. Lee diventa ombroso, cupo, si assenta misteriosamente per giorni e, infine, in un’escalation drammatica, svela il suo vero volto. Schiaffi, torture psicologiche, botte, insopportabili umiliazioni fisiche, Catherine viene violata nell’intimo, rinchiusa a chiave in una stanza, ridotta a vittima inerme di un carnefice senza pietà. Probabilmente morirebbe se, in circostanze accidentali, non fosse scoperta nella sua agonia da una vicina di casa, che denuncia Lee e ne determina l’arresto, il processo e la condanna. La violenza psichica è penetrata, però, a fondo nella mente e nell’anima di Catherine. La ragazza cambia ogni giorno strada per tornare a casa, azzera le sue relazioni col mondo esterno, ispeziona ogni ora meticolosamente la sua abitazione, assume comportamenti compulsivi estremi dettati dal fantasma incancellabile del suo carnefice. Un fantasma che diventa di carne e ossa il giorno in cui una telefonata annuncia che Lee è uscito di galera.  

 
 ˙·٠•●♥ Recensione ●•٠·˙
Dopo aver letto questo romanzo, quello che ho pensato è stato: “Ecco come succede che una donna perde sé stessa e la propria dignità”.
Quante volte, guardando la televisione, leggendo il giornale, ogni volta che viene data la notizia dell’ennesima morte di una donna per mano di un’ex che la picchiava, la perseguitava, ci siamo dette “ma come si fa a diventare così, possibile che sia stata così stupida da non capire i segni? Perché non è scappata?”.
Ecco, in questo romanzo la Haynes ci illustra perfettamente come tutto ciò può accadere, mescolando sapientemente realtà e finzione.
E’ una ragazza giovane e spensierata, aperta alla vita, Catherine quando una sera, nella sua vita entra Lee; un uomo perfetto, bello, sensuale, dolce e rude quel tanto che basta.
Quel tipo di uomo che sa perfettamente come rendere felice una donna e a lei non sembra vero che una tale fortuna le sia piovuta dal Cielo.
Ma le apparenze ingannano, e pian piano quello che era un uomo perfetto si rivela il suo peggior incubo.
Con l’andare avanti della relazione infatti, la presenza di Lee nella sua vita diventa un elemento di disturbo, una presenza ingombrante, un fantasma che aleggia nella sua esistenza nella maniera più indesiderata. Si impossessa delle chiavi di casa sua, le si para davanti quando meno se lo aspetta, la reclama come un oggetto di cui disporre a proprio piacimento - quando e come vuole - e tutto questo Cathy lo permette.

  • Alla fine mi ritrovai a fare l’ospite in casa mia. -

  • La prima volta che mi fece del male - la prima volta che mi lasciò effettivamente dei segni - dovetti assentarmi una settimana dal lavoro. -

Per quieto vivere, giustificandolo con scuse assurde, perchè quando cerca aiuto e conforto nelle sue migliori amiche, queste la guardano come se fosse una pazza perché: “CATHY! Sei un’ingrata! Sai quante di noi vorrebbero un uomo come Lee?”.
Ma tutto questa perfezione artificiale sfocerà in un crimine orribile che vedrà Cathy nel ruolo di vittima e Lee come carnefice. E dopo un’esperienza simile nessuno può tornare ad essere ciò che era, così quello che rimarrà della ragazza sarà soltanto un’immagine sbiadita, un fantasma, l’ombra di ciò che era.
Quella che ritroviamo è una Catherine diversa, piena di ossessioni, diffidente, che esiste ma non vive, vittima di stress post traumatico in seguito all’aggressione.

  • Tutto questo serve a placare il mio cervello, che giorno e notte genera immagini di eventi mi sono successi, o che potrebbero capitarmi. E’ come guardare e riguardare un film dell’orrore, senza mai diventare immuni alla paura  -

Tutto è ben calcolato, tutto ha un ordine prestabilito, niente è lasciato al caso ma forse in quella tabella di marcia che è diventata la sua vita un piccolo spiraglio c’è, uno spiraglio che porterà un raggio di sole nell’ombrosa anima di Cathy - Stuart - un uomo che con la sua dolcezza e la sua affabilità potrebbe riuscire a penetrare quel muro di ostilità che la donna ha eretto attorno a sé come protezione.
E’ stato difficile leggere questo libro, sempre sul filo del rasoio, con il fiato sospeso, con l’ansia di non sapere cosa sarebbe successo, con la rabbia di non poter reagire e con la frustrazione che la Haynes, da brava scrittrice, suscita nel lettore, facendolo immedesimare esattamente con Cathy.
Un bel romanzo, che purtroppo, nella sua finzione ci restituisce un’istantanea di quella che oggi è una triste realtà.


Per stasera è tutto
Buonanotte paginette
La vostra

2 commenti:

  1. Ciao Ophelie ♥ Ho appena trovato il tuo bel blog! Totoro come grafica/simbolo del blog è carinissimo... per non parlare dello sfondo viola! Il banner era troppo bello per non inserirlo qui: http://neversaybook.blogspot.com/p/blog-amici.html tra i blog amici del mio blog, spero ti faccia piacere! Se no lo tolgo, tranquilla! ^^ Mi sono unita ai lettori del tuo blog! A presto ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, rubacchia pure! Mi fa piacere :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...