mercoledì 13 luglio 2016

Recensione: "Come trovare il marito perfetto" di Tracy Brogan

Buonasera paginette ^^
Comunicazione di servizio. Si avverte la gentile clientela che il servizio catering "Da Ophelie" ha ufficialmente riaperto. Dopo un anno di inattività, l'azienda si ripropone a voi con la sua specialità, dell'ottimo sangue 0RH+ servito a una temperatura media di 36,5°.
Colore rosso, vivace, si avvisano zanzare, zecche, pulci, vampiri e chiunque si nutra di sangue che si accettano prenotazioni allo 123/456789.
Ma io dico, sono scesa 5 minuti con il cane e sono stata punta 8 volte, prude ovunque e sto pregando perchè qualche divinità mi dia delle mani in più per grattarmi. Ma tutte a me vengono? E' da tre ore che sto cercando di acchiapparne una che gira per casa... ma la maledetta previene ogni mia mossa! X(


Zanzare a parte, vi parlo dell'ultimo libro che ho letto... che è meglio ;)

Titolo: COME TROVARE IL MARITO PERFETTO
Autore: Tracy Brogan
Serie: Bell Harbor, #2
Editore: Amazon Crossing
Genere: Contemporary romance
Pagine: 326
Data di pubblicazione: 12 luglio 2016
Sinossi 
A Bell Harbor ritengono tutti che la dottoressa Evelyn Rhoades, un chirurgo plastico concentrato sulla carriera, abbia bisogno di un marito. Tutti, eccetto Evelyn... più o meno. Anche se lei volesse un marito (cosa che non vuole... il più delle volte), non permetterebbe mai a qualcosa di intangibile come il fato di stabilire chi sposerà. No, se dovrà trovarsi qualcuno con cui trascorrere la sua vita, lo farà in maniera scientifica: con una lista di requisiti stilata con cura e un sito d’incontri.
Ma quando Tyler Connelly irrompe ubriaco nella sua vita per mezzo di un acquascooter rubato, le emozioni sfidano il buonsenso. Certo, lui è sexy, affascinante e determinato a conquistare l’interesse di Evelyn, ma tutto fa pensare che sia la peggior scelta possibile. È troppo giovane per lei. Troppo irresponsabile. Troppo disoccupato. E... oh sì, è un suo paziente.
Ma Tyler ha sperimentato sulla sua pelle che anche i piani migliori possono sgretolarsi sotto il peso del fato. Ora non gli resta che insegnare a Evelyn che, nelle questioni di cuore, l’amore spesso soppianta la logica.



Ed eccoci al secondo appuntamento dedicato alla serie “Bell Harbor” di Tracy Brogan.
Stavolta siamo alle prese con la dottoressa Evelyn Rhodes, chirurgo plastico. Innamoratasi della cittadina, Evelyn ha deciso di trasferirvisi e prestare lì il suo servizio. Accanto a lei la sua fidata amica Hilary e la sorella di quest’ultima, Gabby spumeggiante ragazza fissata con il portoghese.
Compiuti i 35 anni, quelli che secondo lei sono “il viale del tramonto” di una donna, si può dire che Evelyn abbia ormai raggiunto un’indipendenza notevole. Una carriera rispettabile e di successo, benessere economico più che notevole e serenità. Tutti i sacrifici della sua vita l’hanno portata ad ottenere quello che merita ma, come le fa notare la sua “dolcissima” amica Hilary, il quadro non è del tutto completo. C’è un piccolo dettaglio che fa mancare la perfezione nella vita di Evelyn ed è un marito e una famiglia. Se sulle prime Hilary si rifiuta categoricamente di sottostare alle cosiddette “tappe prefissate” della vita di una donna, in un secondo momento si rende conto che forse poi l’amica non ha del tutto torto. E poi ha 35 anni, il ticchettio dell’orologio biologico comincia a farsi sentire e lei, che è un dottore, meglio di chiunque altro sa come vanno queste cose. Ormai il dubbio si è instillato in lei e alla fine decide di mettersi alla ricerca - più o meno - del suo sig. Rhodes. Ma siamo a Bel Harbor, ricordate? La cittadina dove tutti sono parenti o si conoscono e per quanto Evelyn cerchi di mantenere la cosa su un piano strettamente riservato alla fine tutti si prodigheranno per aiutarla, con sua buona pace. Tra siti di incontri on line, appuntamenti mal riusciti e liste improbabili, la ricerca si rivelerà più ardua del previsto ma c’è qualcuno su cui Evelyn ha messo gli occhi, qualcuno che purtroppo - secondo le regole del SUO buon senso - non dovrebbe proprio guardare e considerare - Tyler Connelly.
Conosciuto al pronto soccorso come paziente, Tyler è quanto di più lontano ci sia dalla figura del marito che Evelyn desidera per sé stessa.
Arrestato davanti ai suoi occhi per ubriachezza e furto di acquascooter, disoccupato, irresponsabile, di 8 anni più piccolo, NO! Decisamente Evelyn non può concedersi neanche una fantasia su quel ragazzo. Ma Evelyn ha fatto male i suoi conti perché quel ragazzo è ben intenzionato a conquistarla e a dimostrarle che tutto è tranne quello che lei pensa e così, punto dopo punto, la sua lista “del perfetto sig. Rhodes” va a farsi benedire così come il suo buon senso. E sarà proprio Tyler a darle la lezione più importante perché a volte anche i piani migliori falliscono e la logica - con buona pace della mente - deve lasciare il posto al cuore.
Tracy Brogan anche questa volta mi ha fatto sognare con un romanzo ironico, dolce e frizzante. Nuovi amici si sono uniti ai vecchi e di tanto in tanto, con mio sommo piacere, ho ritrovato Desmod, Sadie, Fontaine e quel vulcano di sua madre Dody ossia i protagonisti del primo romanzo della serie, “Guida agli appuntamenti per imbranate”
Secondo appuntamento ben riuscito e assolutamente consigliato per chi, come me, vuole conoscere ed amare una cittadina dove tutti sono degli “impiccioni” patentanti e pieni di cuore e dove anche la ricerca dell’anima gemella può diventare un affare di Stato. ^^


dal suo sofà
la vostra
 




10 commenti:

  1. AHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAAHAH No vabbè, adoro la presentazione. A me mi amano tantissimo che una volta punta mi si formano tipo bolle rosse che spariscono dopo una settimana e il prurito che mi rimane.. aaarghhhhhh non ne parliamo!
    Cioè questo romanzo mi ricorda tanto i romanzi di Susan Elizabeth Phillips e per questo devo assolutamente recuperare il primo volume! Amo questi romanzi, li leggi veloci e anche ti accorgi che sei arrivato ad un ipotetico epilogo, me lo segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Brogan mi piace anche per quello. Ha una scrittura molto gradevole, scrive romanzi ironici che anche se fanno parte di una serie, tranquillamente puoi iniziare da quello che vuoi perchè sono degli stand alone. Le bolle? Divento praticamente un puntaspilli :(

      Elimina
  2. Il primo libro è stato troppo carino e divertente, non vedo l'ora di leggere anche questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È carinissimo e Evelyn fa morir dal ridere ^^

      Elimina
  3. Tu sei il genio del male ahhaha mi hai fatto morire dal ridere ahahah e comunque meno male che ho letto la tua recensione...volevo leggerlo anche io questo libro ma non sapevo che fosse un "secondo" libro bene bene la tua recensione mi ha incuriosita ancora di più...
    Ciao Stalki :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Victim :*
      Fa morir dal ridere e lui è il ragazzo ideale... per me ovviamente! Ahahahah

      Elimina
  4. ahahahah troppo ma troppo forte! fantasticaaaaaaa ed anche la recensione ^_^

    RispondiElimina
  5. Ciao! Le zanzare sono esseri malefici, mi pungono sempre sulle dita, ti pare possibile? ç.ç
    Comunque il primo di questa serie l'ho adorato per la sua leggerezza, quindi leggerò anche questo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi a lavoro mi hanno massacrato! Sono una bolla ambulante! Te lo consiglio veramente. =)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...