giovedì 3 novembre 2016

Blog Tour: "E' solo una storia d'amore" di Anna Premoli - Tappa #4: "Se fossi lei"

Buongiorno paginette 
eccoci giunti alla quarta tappa del Blog Tour dedicato al nuovissimo romanzo di Anna Premoli, "E' solo una storia d'amore". Il tema della tappa di oggi è "Se fossi lei".



Nelle tappe precedenti The Ink Spell ci ha presentato questo nuovo romanzo dandocene un assaggio, con Hook a Book e Libri e Librai abbiamo fatto un bel giro per il mondo grazie ai romanzi di Anna Premoli e con Walk in Wonderland abbiamo imparato a come inciampare nel principe azzurro in sei strategiche mosse. Io vi farò entrare nei panni di Laurel, la protagonista di questo nuovo romanzo mentre, in contemporanea, Il Regno dei Libri vi farà vestire i panni di Aidan con la tappa "Se fossi lui".
Dunque, come già detto prima, dovrei farvi capire Laurel Miller. Facile direte voi, mica tanto rispondo io. Provateci voi a descrivere Laurel Miller. Un accenno della sua personalità? Ve lo servo subito con un “piccolo stratagemma”, ovvero quello di calarmi, per un attimo, nei suoi “panni”… letteralmente.

“Salve a tutti, mi presento. Mi chiamo Laurel Miller, 33 anni. Sono una scrittrice di romanzi rosa, meglio nota al pubblico con lo pseudonimo di Delilah Dee. Si! So già cosa state pensando e potete dirlo tranquillamente ad alta voce, sembra il nome di una che balla la lap dance. Pensate che non ci abbia provato a farlo cambiare, ad usare il mio? Tsè! Provateci voi a diventar  famose nel mondo del “rosa” con un nome del genere e poi a cambiarlo. Vuoi continuare a scrivere romanzi? O Delilah Dee o niente! Quindi mi tocca tenermi pseudonimo  e il fucsia onnipresente nelle cover, colore che onestamente odio… maledetti clichè. Chissà perché tutti credono che una scrittrice che si cimenta in questo genere debba per forza essere l’incarnazione di quello che scrive. Bhè, tenetevi forte gente perché sto per svelarvi un segreto.  Non sono romantica, odio i colori pastello e non vivo su una nuvoletta rosa sommersa da cuoricini. Naahhh! Decisamente nulla di tutto questo fa per me. Mi definirei piuttosto una  donna molto pragmatica, decisa e con le idee ben chiare. Perché scrivo romanzi rosa? Presto detto, quello che faccio nei miei romanzi è cercare di far capire alla popolazione femminile che è ora di smetterla di rincorrere uomini senza palle. Insomma uomo -  se mi vuoi - muovi il sedere e vieni a prendermi! Tutto questo prima che nella mia vita piombasse Aidan “Pulitzer” Tyler. Dico io, tra tutte le calamità naturali che esistono al mondo, ecco che piomba nella mia vita questo scrittore salito alla ribalta con un romanzo d’esordio che gli ha regalato fama, premio e che non scrive un libro da 5 anni. Ha anche il coraggio di criticare il mio GENERE e ME  in quanto scrittrice. Ma dico io, ma ti sei visto, sig. Pulitzer dei miei stivali? L’aspetto da pirata selvaggio, irriverente, strafottente e invadente. Che ci faccio io con lui? Chissà per quale congiunzione astrale è convinto che il frequentarmi aiuti la sua vena creativa ormai in disuso… DIO! E’ come avere una zecca attaccata, non mi si scrolla mai di dosso, fosse il mio tipo almeno… Oddio! Non che quei capelli scuri, ricci e ribelli siano poi così male e devo dire che ha un fondoschiena che parla da solo… ehi, ehi!E’ per il bene della letteratura che lo faccio, non fatevi strane illusioni!”

Bhè! Questo è un assaggio di Laurel,  un personaggio molto controverso, una  donna che lotta, una donna che cerca di farsi strada in un ambiente dominato da pregiudizi e maschilista ma che forse, per troppo tempo è rimasta intrappolata nelle regole e nel mondo che lei stessa ha creato. 
Proprio come Aidan, durante tutto il romanzo avrà una crescita costante che la porterà a capire che in fondo, quello che più conta non è ciò che gli altri pensano di te ma quello che tu sei e sai di essere dentro di te.  Diverse volte vi capiterà di non capire alcune scelte di Laurel, ma posso assicurarvi che alla fine, la sua dolcezza verrà a galla, anche grazie alle sue inseparabili amiche, facendo luce sul perché della sua corazza apparentemente impenetrabile.
"Confesso io per prima che, dopo aver letto certi romanzi, non mi stupisco più di tanto dell'alto tasso di divorzi di oggi. Non è normale innamorarsi perdutamente di una persona non appena posi gli occhi su di lei. E se ti succede, interrogati sulla tua sanità mentale.
Vi starete chiedendo come mai la mia scelta per dare un viso e un corpo a Laurel sia ricaduta su Jennifer Lawrence. Ho sempre visto in questa attrice il volto di una donna molto forte, decisa, imperturbabile, ma che all’occasione sa essere molto dolce e ironica, proprio come Laurel. Ognuna di voi, leggendo questo divertentissimo e dolce romanzo magari sceglierà un altro volto… bhè, sono molto curiosa di sapere quale sarà.
Per questa tappa è tutto, vi ricordo la prossima che si terrà domani 4 novembre sul blog Sogni di Marzapane dove vi aspetta l'intervista con Anna Premoli. ;)

Dal suo sofà
la vostra

8 commenti:

  1. Ahahahahaha oddio, fantastica xD. Cioè hai centrato Laurel in pieno U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lili, sono contenta che ti piaccia ♥

      Elimina
  2. Bello! Sono felice che sia piaciuto anche a te e ciò che hai scritto mi piace un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto divertente, risolleva il morale! ^^

      Elimina
  3. Ophelie sai quanto adori il modo in cui hai parlato di Laurel <3 Per me è stato davvero un piacere collaborare con te cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me! Spero che ci sia modo di collaborare ancora in futuro! ♥

      Elimina
  4. Devo assolutamente sbrigarmi a leggere questo libro... ♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Victim devi, assolutamente! E' delizioso ♥

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...