giovedì 17 novembre 2016

Recensione: "Petali di me" di Serena Di Caprio

Buon pomeriggio paginette 💜
Mamma mia, ma pure da voi fa così freddo? Giuro che oggi anche il cane si rifiuta di uscire e ad ogni "Andiamo" che gli dico, mi guarda con un'espressione del tipo "nun me' schiodo da qua manco pe' tutti i croccantini del mondo". D'altronde come biasimarlo? Camino acceso,  termosifoni a tutto spiano, neanche io mi alzerei.
Freddo a parte, tutto bene? Io, tanto per non smentirmi, ho sempre T O N I che mi tiene compagnia. Il ragazzuolo si sta facendo più ardito. Mi ha scritto di nuovo, inviandomi il suo numero di cellulare e dicendomi che - SE MI FA PIACERE -  possiamo scambiare due chiacchere su Whatsapp. Ovviamente T O N I aspetterà all'infinito ma voglio capire quanto ancora andrà avanti 'sta storia e come sempre vi dico... I MATTI TUTTI A ME!
Esauriti a parte, parliamo di cose più serie, ovvero dell'ultimo romanzo letto ;)




Sinossi: Il mondo di Azzurra va in pezzi quando scopre che il suo legame con Leo è costruito su una menzogna: il tradimento di lui è un duro colpo, ma ancora di più lo è sapere che il ragazzo che credeva di amare non è mai stato sincero e le ha nascosto un segreto che forse non aveva confessato neanche a se stesso. Un amore che finisce ti spezza sempre il cuore: ti fa soffrire, sgretola le tue certezze, ti fa piangere fino quasi ad allagarti dentro. Ma quando a ridurti così è la tua prima cotta, l’amico di una vita e il compagno di tante avventure, superarlo appare davvero impossibile. Dopo Leo, infatti, ogni relazione sembra difficile, e soprattutto sembra difficile poter ricominciare a credere in sé e negli altri. Eppure ci sono dolori per cui piangiamo, ma che non rimpiangeremo mai. Perché ci fanno comprendere che a volte l’amore è tutto, e a volte non è abbastanza. Che per rinascere bisogna morire. Che prima di piacere agli altri bisogna provare a voler bene a se stessi. E perché sono l’inizio di un cammino che ci insegna a crescere, a superare le delusioni e a vivere ogni emozione fino in fondo, trasformando le nostre insicurezze in splendide ali di farfalla.
 


Tutto ha inizio con una storia che finisce. Azzura lascia Giulio, con franchezza, onestà, senza mezzi termini, semplicemente gli comunica quello che ormai era nellaria da molto tempo. La storia tra loro due è giunta al capolinea, è una storia che si è spenta, esaurita, che non ha più nulla da dare o dire, è solo abitudine e labitudine non porta da nessuna parte è solo deleteria.  Ma cosa ha portato Azzurra a quella schiettezza, a quel gesto che dallesterno può sembrare un atto egoistico, quasi brutale. E proprio da quelladdio partiamo per un viaggio a ritroso nel tempo che ci fa conoscere unAzzurra più piccola. La sua vita, la sua infanzia, la sua crescita e con la crescita larrivo di Leo. Il compagno di giochi, lamico fidato e alla fine il suo ragazzo. Il primo, quello che immagina sarà lamore della sua vita, con cui esplora, impara a conoscere il suo lato di donna in fiore ma anche quello che le farà conoscere il dolore. Un dolore profondo, che la spezza, che la dilania, che la distrugge e che la porta a commettere lerrore fatale. Azzurra per amore di Leo, si dimentica di sé stessa. Perché si sa che per amore si farebbe tutto, per amore si accettano le briciole, per amore ci si dimentica di ogni cosa, per amore il resto del mondo semplicemente smette di esistere.
Ed è difficile risalire la china, è difficile il processo di accettazione, è difficile riuscire a riprendere in mano le redini della propria vita e ricominciare. Si, il tempo ha tutte le risposte, il tempo fortifica ma quanto ce ne vuole, quanto manca a toccare il fondo. Perché solo così si può rinascere, toccando il fondo e dopo averlo fatto, risalire e risorgere proprio come una fenice dalle proprie ceneri. Ma quando alla fine si riesce a intravedere la luce tutto diventa meraviglioso. Ci si accetta, ci si perdona, ci si ama. Di un amore profondo che fa sì che Azzurra venga al primo posto. Davanti a tutto e a tutti. Ed ecco il perché di quelladdio. Non è cattiveria, non è brutalità, non è stanchezza nei confronti di Giulio, semplicemente quella ragazzina che prima avrebbe accettato tutto, ora non si accontenta più, ora per sé vuole soltanto il meglio. Non pretende luomo perfetto, non vuole il più bello, il più ricco, il più ammirato, vuole solo luomo che la completa, che la fa sentire giusta, con tutti i suoi difetti e che la ami così come è. Imperfetta e piena di debolezze ma sempre e comunque sincera. Mi è piaciuto molto questo romanzo di Serena Di Caprio, soprattutto per la sua analisi del dolore, della rinascita, del percorso doloroso che porta una ragazza ad essere finalmente una donna. Una donna che, come diceva Bukowski, Deve morire un po di volte, prima di iniziare a vivere davvero.
Scritto bene, scorrevole e con molti spunti di riflessione (forse a volte un po scontati ma sempre e comunque veri), questo romanzo merita un discorso speciale anche per la cura grafica con cui è stato pubblicato. Non è solo la cover ad esser bella, anche il suo interno lo è, colorato e pieno di riflessioni che fungono un po da intermezzo tra una fase e laltra.

"Abbi sempre il coraggio di prenderti in braccio e portarti in SALVO
Mi sento di consigliare questo romanzo, perché merita davvero di essere letto, soprattutto per imparare e capire cosa cè dietro una donna o comunque una persona che per essere quello che è oggi, ha conosciuto e attraversato il dolore e ne è rinata, più forte di prima.


dal suo sofà
la vostra


16 commenti:

  1. Bella recensione, questo libro come sai m'ispira parecchio! :)
    P.S: eh sì, fa proprio freddo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess. E' un romanzo molto carino, scritto in forma molto poetica ^^

      Elimina
  2. Questo libro mi incuriosisce molto e siccome dici che merita, sicuramente lo leggerò appena trovo un pò di tempo si intende...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Susy, vedrai che ti innamorerai del suo interno. E' bellissimo ♥

      Elimina
  3. Ciao Ophelie, che bella recensione ^.^ Questo romanzo mi ispirava ma dopo aver letto le tue parole mi ispira di più :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, devo dire che mi ha fatto riflettere molto ♥

      Elimina
  4. Ciao Ophelie, questo libro ha una trama molto carina..a me piacciono le storie che parlano di donne e dei loro percorsi e trasformazioni e quindi credo che meriti davvero di essere letta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è proprio uno di quelli. Una lunga analisi di come una donna si distrugge e rinasce :)

      Elimina
  5. Ciao Ophelie! Come mai il mio cane non è come il tuo?! Vuole uscire anche con il gelo ahah
    Mi sembra un libro molto carino, quindi me lo segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jess, non preoccuparti! Il mio cane è pazzo. Devi sapere che fa le storie quando fa freddo ma quando piove si riprende alla grande e diventa il diavolo perchè vuole uscire. Si può essere più scemi?

      Elimina
  6. Ehi Ophelie! 💕
    Le tue splendide parole hanno rapito il mio cuore ed hanno fatto approdare questo libro direttamente sulla mia wishlist!
    Sto vivendo anch'io un momento simile a quello della protagonista è, forse, questo libro mi aiuterà a ricominciare, chissà! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mjchela, credo che sia bello proprio perchè in certi momenti si ha bisogno di ascoltare e leggere certe parole ^^

      Elimina
  7. Questo libro sembra molto molto bello. La tua recensione mi ha convinto ancora di più.

    RispondiElimina
  8. Ciao Ophelie, "petali di me" lo avevo in wishlist già da un po' ormai. Ora che finalmente è uscito, credo proprio che sarà il mio prossimo acquisto... ❤ La recensione come al solito mi è piaciuta tantissimo, complimenti ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un romanzo molto sentito, bello. Graie Camela ♥

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...