sabato 12 novembre 2016

"Sclero reader" ovvero "M'hai provocato e io mo' te distruggo"!

Buon sabato paginette ^^
Sapete bene che io cerco sempre di essere accomodante, calma, serena, pacifica ma arriva per forza di cose il giorno in cui non resisto più ed esplodo e indovinate un po'? Oggi è uno di quei giorni.
Vi avverto fin da subito che il linguaggio potrebbe risultare un po' "colorito" ma sono del parere che quando devi sfogarti o lo fai per bene oppure è meglio che taci quindi... cominciamo!


Un romanzo. Non sai nemmeno tu da quanto lo aspettavi. L'avevi messo in WL su Goodreads e finalmente il tuo sogno si avvera... eccolo. Pubblicato in italiano ♥.♥
Felice come una Pasqua ti precipi a prenderlo e.... il dramma! Nel mio caso si tratta di "Kaleidoscope Hearts" (Hearts, #1), voi direte:  "E che romanzo è?", e mo' ve lo faccio vedè.
Tanto per cominciare, una bella presentazione del romanzo così come è uscito in America.

Titolo: "Kaleidoscope Hearts" (Hearts#1)
Autore: Claire Contreras

He was my older brother's best friend. 
He was never supposed to be mine. 
I thought we would get it out of our system and move on. 

One of us did. 
One of us left. 

Now he’s back, looking at me like he wants to devour me. And all those feelings I’d turned into anger are brewing into something else, something that terrifies me. 
He broke my heart last time. 
This time he'll obliterate it.



Già il titolo mi piace. La cover? Che ve lo dico a fare. Ma il bello viene alla sinossi. Breve, accattivante, misteriosa, solo per quella già mi fionderei alla cassa con i soldi in mano.
E ora! Mesdames et messieurs, tenetevi forte! Ecco come è arrivato in Italia.

Titolo: "Life is love" (Hearts#1)
Autore: Claire Contreras

A distanza di un anno dall’improvvisa e tragica morte del suo fidanzato, Estelle stenta a far ripartire la propria vita e, per cercare di superare il dolore, decide di trasferirsi per un po’ da suo fratello Vic. Appena arrivata, si ritrova faccia a faccia con Oliver, il suo primo grande amore, ed Estelle sente il cuore tornare a battere forte anche dopo così tanto tempo. Da bambina Oliver, il migliore amico di suo fratello, per lei era il principe azzurro, il ragazzo dei sogni, ma lui l’ha trattata sempre e solo come una sorellina da proteggere e nulla di più. Ciò che Estelle non sa è che anche Oliver era terribilmente attratto da lei, ma aveva deciso di ignorare i propri sentimenti per non perdere l’amicizia di Vic, il quale non avrebbe tollerato avances nei confronti della sorella. Adesso però lei è tornata in città e sono entrambi adulti e indipendenti… Oliver è deciso a prendersi ciò che ha sempre desiderato, ma Estelle non è più la ragazzina spensierata di un tempo: ha sofferto molto e neppure lei sa come coltivare, nel suo cuore ormai arido, l’idea di una seconda possibilità


Parliamone
Ok! Cercherò di essere educata ed elencare punto per punto le mie "rimostranze".
La butto lì, partendo a caso, nonostante non sia il mio lavoro.

Titolo
Non so se qualcuno abbia informato i traduttori ma negli ultimi cinquant'anni l'Italia un po' di inglese l'ha imparato. Non siamo più fermi a "THE BOOK IS ON THE TABLE" o "THE CAT IS ON THE WINDOW". Sono in grado di capire che "Cuori caleidoscopici" in italiano non è che rende tutta 'sta meraviglia quindi, tanto per non sforzarmi troppo, sono andata a consultare i sinonimi di "caleidocopico" su Internet.
Dal dizionario Treccani (Google docet):
caleidoscopico /kaleido'skɔpiko/ agg. [der. di caleidoscopio] (pl. m. -ci). - 1. (ott.) [relativo al caleidoscopio]. 2. (fig.) [che ha aspetti costantemente mutevoli] ≈ cangiante, fantasmagorico, multiforme, mutevole, polimorfo, variegato, vario, variopinto.
Mo' te dimme. "Cuori mutevoli" te faceva schifo? No! Te sei dovuto incaponì su "Life is love" e qui ti voglio, perchè ci colleghiamo direttamente al secondo punto.

Traduzione della sinossi 
L'inglese di certo non è la mia lingua madre. Ma per quanto io possa essere ignorante, qualcosa la capisco. 
Leggete le due sinossi.
In inglese, a mio parere, è uno "spot" vero e proprio del romanzo. Ti invoglia. Ti incurioscisce. Stuzzica la curiosità del lettore che è in te.
Leggiamo la versione in italiano. Ma porca put.... ma che t'ho chiesto il "Bignami" del romanzo????
Ma che me frega a me de sapè che fine ha fatto il padre de 'sta poraccia de Estelle, volevo saperlo mentre leggevo. A te nun te l'ho chiesto. Perchè te impicci de' affari che nun so' li tua? Nun se capisce.
1...2...3... respira

Cover
No, dico! Le avete viste le cover????


Ma che è??? Ma che te sei comprato 'no stock de foto co' l'ombrellini? Ma che ca..o c'entrano con la sinossi o il titolo del romanzo? Io 'na cosa sola vojio sapè... PERCHE'??? 
E tu me lo devi spiegà! Mi sono guardata tutte le cover delle altre edizioni, Paese per Paese. Solo la Germania è riuscita a far peggio di noi (sempre a mio parere, ovvio), presentando 'sto schifo qua...


Tutti gli altri Paesi hanno presentato la stessa cover o una versione che comunque aveva una qualche attinenza con l'originale. Ora, giustamente, voi direte: "E ora che vuoi?" Niente, è solo che quando mi parte l'embolo devo lasciarlo andare perchè tanto nulla posso ma almeno un "macigno" dalla scarpa posso togliermelo e oggi.... ME LO SONO TOLTA!

Dal suo sofà
la vostra



22 commenti:

  1. Non ho ancora letto il libro, ma pareri come il tuo ne ho sentiti molti. Io stessa non lo avrei degnato di un ulteriore sguardo se non fosse stato per tutte le belle recensioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io nemmeno l'ho letto ma ho sentito molti pareri positivi. Ti giuro che se dovevo decidere di acquistarlo basandomi sul "pacchetto italiano", non l'avrei mai preso

      Elimina
  2. Sono d'accordo su TUTTO.
    Cioè, la cover originale è perfetta e davvero, per una volta non conoscevo il romanzo in lingua originale, non era arrivato sul mio radar e quindi la prima volta che l'ho visto è stata nella sua versione italiana.
    La mia reazione?
    Scansati che non ti voglio neanche vedere da lontano.
    E invece adesso sono intrigata doopo aver visto/letto la sinossi originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È anche quello che mi fa incavolare. La traduzione fedele va più che bene... perché devi spoilerarmi mezzo romanzo?

      Elimina
  3. MUORO XD Per la cover è una cosa stranissima, visto che c'è una clausola nel contratto che Regina Wamba fa firmare ai suoi clienti che prevede che, nel caso di traduzione del romanzo, la CE che ne ha acquistato i diritti deve contattarla per la nuova cover.
    Vedi And I Darken, per esempio.
    Bah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu più di tutti mi capisci. Io mi ritengo una "purista". La cover è bellissima, ha attinenza con il titolo... che c'è di caleidoscopio in quella italiana? L'ombrello?

      Elimina
  4. AHAHAAHAHAH.. mji sono divertita troppo!
    Non ho letto il romanzo, ma sapevo dell'uscita. Solo che non sapevo che Life is Love derivasse da Kaleidoscope hearts. Ad ogni modo.. sono d'accordo ahahaha. Ma poi dico io... PER QUALE ARCANO MOTIVO TRADURRE L'INGLESE CON L'INGLESE. Ma lasciate il titolo originale se avete deciso di scegliere l'inglese. Ma poi appunto... dico... il titolo originale è già italiano!
    Kaleidoscope ci arrivi dall'italiano... hearts, dico... HEARTS... non mi sembra sia una parola sconosciuta all'umanità. Quindi... effettivamente... PERCHE'??
    AHAHAHAHAHA
    Ti giuro.. rido troppo.. per le cazzate che fanno certe volte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che voglio far capire! Mi saranno rimasti due criceti che girano nella ruota dentro al cervello ma KALEIDOSCOPE HEARTS lo capisco, giuro!

      Elimina
  5. Ti dico solo che quoto ogni singola tua parola.
    In più aggiungo che il libro è MERAVIGLIOSO ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti credo... perché non capiscono che lo rovinano così?

      Elimina
  6. Mah, ma che te devo dì... ne abbiamo già parlato in privato e... BOH. Posso scrivere altro? No. Perché sinceramente cosa spinga un essere umano dotato di neuroni a tradurre l'inglese con l'inglese io proprio non lo so. Su trama e cover, specialmente sull'ultima, stendiamo un velo pietoso. Io la NC mica la capisco, stavo osservando l'altro giorno la copertina di "Flower" che mi ha colpito molto e che considero molto bella, e infatti poi ho scoperto che era l'originale... me pareva strano in effetti che il loro grafico avesse tirato fuori qualcosa del genere XD Vojo dire, con sto stock de foto che se sono comprati, che include cappellini di lana, ombrellini multicolor e ragazze svenute nell'erba te pare possibile trovarci dentro un fiore viola bello come quello?! Lasciamo stare che sono stati comunque in grado di rovinarla mettendo il loro classico sottotitolo "un successo mondiale" "un successo del passaparola", menomale che hanno tenuto anche la grafica del titolo originale... sennò rischiavano di fare come per le cover della saga della Howard, belle come il sole, rovinate dai loro titoli assurdi e dai font improponibili. Vabbè... la finisco qua che sennò te scrivo un commento di 800km. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai da quanto ci rimugino su questa cosa. Te lo chiesi da profana infatti! Io credo che sia frustrante essere un grafico e doversi limitare a mettere scritta e font diversi su una foto già bella e fatta. Quanto potevi variare su un tema del genere? All'infinito! Che me ce metti? Due co' l'ombrello >.<

      Elimina
  7. Francamente non capisco certe scelte editoriali...ti dico sinceramente che vedendo il prodotto della newton così io non lo avrei mai comprato, l'originale invece mi avrebbe attirato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché così è uguale a tanti altri romanzi, con l'aggiunta dello spoiler in sinossi :/

      Elimina
  8. Quando ce vò, ce vò U_U
    Ti dirò, conoscevo la versione italiana e non me la sono filata di striscio, ma vedendo la versione originale, di ciò che doveva essere cover e trama, well... molto meglio. Purtroppo le ce italiane sono indietro anni luce e ci rifilano sempre le stesse cose, già viste, già lette, già fatte U-U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quanto risparmiavano lasciandolo così?
      E ci guadagnavano il triplo!

      Elimina
  9. Io quando ho letto il titolo "Life is love" la prima volta sono dovuta correre in bagno a vomitare. No, davvero, ma che ORRORE. Posso capire la cover perché, mettendone una random magari presa anche aggratis in quei siti che mettono a disposizione immagini senza copyright, ne usciamo avvantaggiati noi, però il TITOLO. MA CHE CAVOLO COSTA A FARE LA TRADUZIONE LETTERALE DI QUELLO ORIGINALE? IO BOH.
    Comunque a questo punto ci sarebbe da leggere sia la versione originale che italiana, per vedere se hanno cambiato anche la storia. So che alcune volte è successo con la newton.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io continuo a dire che a Kaleidoscope ci arrivavamo tutti... bah!

      Elimina
  10. Sono d'accordissimo Ophelie sia il titolo che la cover ma soprattutto la sinossi fanno presagire molto altro! Comunque è in wl e mi piacerebbe leggerlo presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely! Anch'io voglio leggerlo, ma come ho detto a Pam e Alex, cercherò di corrompere qualche reader americana. Sono sicura che dopo averle mostrato la nostra, mossa a pietà, mi manderà la sovracopertina XD

      Elimina
  11. La cosa che mi urta i nervi è che solo da noi in Italia si fa fatica a curare l'estetica dei libri. In altri stati d'Europa mantengono le cover originali o si vede che dietro una cover ci sta un lavoro ricercato. Io non capisco perché dalle nostre case editrici si tiri al risparmio. Prendi la Leggereditore che ogni volta che trova un'impostazione di cover la replica a tutti i suoi lavori successivi. I grafici che lavorano da loro, hanno creatività? Lo sanno usare photoshop?! A me pare sempre che più che programmi di grafica vadano avanti a Paint. Sinceramente, mi passerebbe anche la voglia di fare domanda in una grande casa editrice se non dovessi avere la libertà di lavorare e creare delle cover che rendano giustizia a un libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto quello che dici in tutto e per tutto. C'è un'altra cosa che mi fa incavolare (ancora?). La differenza con le cover di un self. Quel "povero Cristo" non lo sa nemmeno se e quanto venderà eppure si sbatte l'anima per presentare un buon "prodotto" con una cover degna di nota. Ora, mettendo da parte i generi, che possono piacere o meno, guarda quelle della Cilli, di Evalith Adams, della Ror, per non parlare di quelle straniere che a volte ci lasci gli occhi... certe linee di condotta da parte di alcune CE a volte sono un'offesa al lettore.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...