venerdì 10 marzo 2017

BLOG TOUR: "Le ragazze vogliono la luna" di Janet McNally - Il legame tra musica e poesia

Hola pages
diamo il via a questa giornata con la terza tappa del Blog Tour dedicato a "Le ragazze vogliono la luna" di Janet McNally. Oggi ci occupiamo di vedere quanto forte può essere il legame tra musica e poesia, scoprendo alcuni dei testi più belli che siano stati scritti.



"LE RAGAZZE 
VOGLIONO LA LUNA"
di Janet McNally

Titolo: "Le ragazze vogliono la luna"
Autore: Janet McNally
Editore: DeAgostini
Genere: Young Adult
Data di pubblicazione: 28 febbraio 2017
Sinossi
Ci sono estati che lasciano il segno. Estati cha cambiano la vita. Per sempre. È esattamente quello che è successo a Phoebe, diciassette anni e un segreto ben custodito. Lo stesso segreto che ha distrutto il legame con la sua migliore amica e che ha mandato all’aria l’unica possibilità con il ragazzo per cui ha una cotta colossale. Ma Phoebe è abituata ai segreti. Perché tutti nella sua famiglia ne hanno uno. Tutti hanno qualcosa da nascondere: sua sorella Luna, che se n’è andata a Brooklyn per inseguire un sogno, suo padre Kieran, che se n’è andato e basta. E poi sua madre Meg. È lei la vera bugiarda di professione. Ex rockstar, Meg non ama rivangare gli anni in cui ha viaggiato per il Paese insieme alla sua band, mietendo un successo dopo l’altro. E soprattutto non ha nessuna intenzione di spiegare alle figlie il motivo per cui, da un momento all’altro, ha messo fine alla carriera e al proprio matrimonio. Eppure Phoebe non è il tipo che si arrende. Decisa a ritrovare le tessere mancanti del passato della sua famiglia, raggiunge Luna a New York. E, in un’estate magica, indimenticabile, tra musica indie, notti insonni e amori impossibili, si mette alla ricerca. Della verità e anche un po’ di se stessa.

IL LEGAME TRA MUSICA E POESIA

La musica rock nella vita di Phoebe, così come in quella di Janet McNally, ha un ruolo fondamentale. Ma quanto può essere sensibile l'animo di una rockstar? C'è un solo modo per capirlo, analizzarne i testi! Da sempre il testo in una canzone è una componente fondamentale. Alcune volte, come nel caso delle canzoni di protesta, prende addirittura il sopravvento sulla melodia, che diventa un semplice accompagnamento alle parole che, taglienti come lame, denunciano una situazione. Ci sono cantautori che con i loro testi hanno fatto la storia, come Bob Dylan (il menestrello di Duluth), al quale le parole sono valse un Nobel alla Letteratura. Ci sono poi stati cantanti che addirittura hanno utilizzato la musica come veicolo per declamare le proprie poesie, come Jim Morrison (The Lizard King). Insomma, che siano divertenti, di denuncia o d'amore, è chiaro che il legame tra musica e poesia è molto forte, scopriamo insieme alcuni dei testi più belli e poetici.

Una forte pioggia cadrà - B. Dylan 
(A Hard Rain's gonna fall) 
Dove sei stato, figlio mio dagli occhi azzurri? 
Dove sei stato, ragazzo mio caro? 
Sono inciampato sul fianco di dodici nebbiose montagne, 
ho percorso e ho strisciato per sei tortuose autostrade , 
ho camminato nel mezzo di sette tristi foreste, 
son stato di fronte ad una dozzina di oceani morti, 
son stato per diecimila miglia nella bocca di un cimitero, 
e una forte,e una forte,e una forte,e una forte, 
e una forte pioggia cadrà. 
Oh, cosa hai veduto, figlio mio dagli occhi azzurri ? 
Cosa hai veduto ragazzo mio caro ? 
Ho visto un bimbo appena nato con lupi selvaggi tutti intorno 
Ho visto un'autostrada di diamanti e nessuno che la percorreva, 
ho visto un ramo nero e del sangue ne scorreva, 
ho visto una stanza piena di uomini con martelli insanguinati, 
ho visto una scala bianca tutta ricoperta d'acqua, 
ho visto diecimila persone parlare con lingue spezzate, 
ho visto armi e spade affilate nelle mani di bambini, 
e una forte,e una forte,e una forte,e una forte, 
e una forte pioggia cadrà. 
E cosa hai sentito, figlio mio dagli occhi azzurri ? 
Cosa hai sentito, ragazzo mio caro ? 
Ho sentito il rombo di un tuono, che ruggiva come un avvertimento, 
ho sentito il fragore di un'onda tale da sommergere il mondo intero, 
ho sentito cento suonatori di tamburo con le mani in fiamme, 
ho sentito diecimila sussurrare e nessuno ascoltare, 
ho sentito un uomo morire di fame, 
ho sentito molte persone ridere, 
ho sentito la canzone di un poeta morente su un marciapiede, 
ho sentito il suono di un clown che piangeva nel cortile, 
e una forte,e una forte,e una forte,e una forte, 
e una forte pioggia cadrà. 
Oh, chi hai incontrato, figlio mio dagli occhi azzurri ? 
Chi hai incontrato, ragazzo mio caro ? 
Ho incontrato un bambino accanto ad un pony morto, 
ho incontrato un uomo bianco che camminava con un cane nero, 
ho incontrato una giovane donna con il corpo in fiamme, 
ho incontrato una giovane ragazza che mi ha donato un arcobaleno, 
ho incontrato un uomo ferito dall'amore, 
ho incontrato un altro uomo ferito dall' odio, 
e una forte,e una forte,e una forte,e una forte, 
e una forte pioggia cadrà. 
Oh, e cosa farai ora, figlio mio dagli occhi azzurri ? 
Cosa farai ora, ragazzo mio caro ? 
Andrò via prima che la pioggia incominci a cadere, 
camminerò nel profondo della più profonda e nera foresta, 
dove la gente è tanta e le loro mani sono completamente vuote, 
dove i proiettili avvelenati contaminano le loro acque, 
dove la casa nella valle incontra la umida e sudicia prigione, 
dove il volto del boia è sempre ben celato, 
dove brutta è la fame e dimenticate son le anime, 
dove nero è il colore e zero il numero, 
e lo dirò, lo penserò, lo pronuncerò, lo respirerò, 
e lo rifletterò su una montagna 
così che tutte le anime possano vederlo, 
poi starò sull'oceano fino a quando incomincerò ad affondare, 
ma saprò bene la mia canzone prima di incominciare a cantare, 
e una forte,e una forte,e una forte,e una forte, 
e una forte pioggia cadrà.


Una scala per il paradiso - Led Zeppelin
(Stairway to heaven)
C’è una signora che è sicura che tutto ciò che luccica sia oro 
E si sta comprando una scala per il paradiso. 
Lei sa che quando ci arriverà, anche se tutti i negozi sono chiusi 
Con una sola parola potrà ottenere quello per cui è venuta. 
E si sta comprando una scala per il paradiso 
C’è un cartello sul muro ma lei vuole essere sicura 
Perchè lo sa che a volte le parole hanno due significati 
Su un albero presso il ruscello, c’è un uccello che canta 
A volte tutti i nostri pensieri sono dubbi 
E mi pongo delle domande, 
E mi pongo delle domande. 
C’è una sensazione che provo quando guardo ad Ovest, 
E la mia anima piange perchè partirà. 
Nei miei pensieri ho visto anelli di fumo tra gli alberi, 
E le voci di quelli che stanno a guardare. 
E mi pongo delle domande, 
E mi pongo delle domande. 
E si sussurra che presto se tutti lo decideremo 
Allora il pifferaio ci guiderà alla ragione 
Ed un nuovo giorno sorgerà per quelli che da tempo aspettano 
E le foreste eccheggieranno di risate. 
Se c’è confusione sul tuo sentiero, non ti preoccupare 
Sono solo le pulizie di primavera per la festa di Maggio. 
Si, ci sono due percorsi che puoi intraprendere ora, ma a lungo andare 
C’è ancora tempo per cambiare la tua strada 
E mi pongo delle domande. 
Ti ronza la testa continuamente, se non lo hai capito 
Il pifferaio ti sta chiamando a raccolta 
Cara signora, senti il vento che soffia, e lo sapevi che 
La tua scala si stende sul vento che sussurra? 
E mentre scendiamo lungo la strada 
Con le ombre più alte delle nostre anime 
Là cammina una signora che tutti conosciamo 
Che splende di luce bianca e vuole mostrare 
Come tutto quanto ancora si trasformi in oro 
E se ascolti molto attentamente 
Alla fine la canzone ti raggiungerà 
Quando tutti sono uno e uno è tutti 
Per essere una roccia ma non rotolare. 
E si sta comprando una scala per il paradiso.


Immagina - J.Lennon
(Imagine)
Immagina non ci sia il Paradiso 
prova, è facile 
Nessun inferno sotto i piedi 
Sopra di noi solo il Cielo 
Immagina che la gente 
viva al presente... 
Immagina non ci siano paesi 
non è difficile 
Niente per cui uccidere e morire 
e nessuna religione 
Immagina che tutti 
vivano la loro vita in pace.. 
Puoi dire che sono un sognatore 
ma non sono il solo 
Spero che ti unirai anche tu un giorno 
e che il mondo diventi uno... 
Immagina un mondo senza possessi 
mi chiedo se ci riesci 
senza necessità di avidità o rabbia 
La fratellanza tra gli uomini 
Immagina tutta le gente 
condividere il mondo intero... 
Puoi dire che sono un sognatore 
ma non sono il solo 
Spero che ti unirai anche tu un giorno 
e che il mondo diventi uno...


Nero - Pearl Jam
(Black)
Vuote lenzuola di seta, intoccate lenzuola d'argilla
Sono state sparse davanti a me come una volta fece lei
Tutti i cinque orizzonti ruotavano intorno alla sua anima
Come fa la terra con il sole
Adesso l'aria che ho assaporato e respirato ha svoltato l'angolo
Già, e quello che le ho insegnato era tutto
Già, so che quello che mi ha dato è tutto ciò che aveva...
Ed ora le mie mani amare si sfregano sotto le nuvole
Di ciò che era tutto
Oh, le immagini sono state tutte tinte di nero, hanno tatuato tutto...

Esco a fare una camminata
Sono attorniato da alcuni bambini che giocano
Sento le loro risate, ma allora perché mi inaridisco?
Pensieri contorti mi girano per la testa
Sto roteando, sto roteando 
Quanto velocemente può tramontare il sole?
Ed ora le mie mani amare cullano i vetri rotti
Di ciò che era ogni cosa
Le immagini sono state tutte tinte di nero, hanno tatuato tutto...
Tutto l'amore diventato malvagio ha tramutato il mio mondo in nero
Ha tatuato tutto ciò che vedo, tutto ciò che sono, tutto ciò che sarò... già...

So che un giorno avrai una vita meravigliosa, so che sarai una stella
Nel cielo di qualcun altro, ma perché?

Perché, perché non può essere, perché non può essere il mio?



E questi erano solo alcuni dei testi più belli che la musica ci ha regalato. Testi pieni d'amore, di speranza, di sogni e a volte anche di disperazione. 
Per questa tappa è tutto, vi ringrazio per essere stati in mia compagnia e passo la linea a Hook a book, dove Silvia vi aspetta per parlavi del rapporto tra madre e figlia.



Dal suo sofà
la vostra

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...