giovedì 13 aprile 2017

BLOG TOUR: LA RAGAZZA DI PRIMA di J.P. Delaney - 3° TAPPA: Focus on l'architetto

Hola pages
benvenuti alla terza tappa del blog tour dedicato a "La ragazza di prima", l'avvincente thriller di J.P. Delaney


Titolo: LA RAGAZZA DI PRIMA
Autore: J.P. Delaney
Editore: Mondarori
Genere: Thriller
Data di pubblicazione: 4 aprile 2017
Sinossi
Con quest'uomo ci andrei a letto. Gli ho detto poco più che buongiorno, eppure la parte più segreta di me, quella che sfugge al mio controllo, ha già espresso il suo giudizio. Lui mi tiene aperta la porta della sala riunioni e persino questo piccolo gesto di cortesia mi sembra carico di significato.
Non posso credere di essere a un passo, un solo piccolo passo, dall'aggiudicarmi la casa che lui, Edward Monkford – un innovatore, un architetto riservato e profondo –, ha progettato e realizzato in Folgate Street, civico 1, Londra.
Una casa straordinaria. Un edificio che coniuga l'avanguardia europea ad antichi rituali giapponesi. Design minimalista di pietra chiara, lastre di vetro insonorizzate e sensibili alla luce, soffitti immensi. Nessun soprammobile, niente armadi, niente cornici alle finestre, nessun interruttore, nessuna presa elettrica. Un gioiello della domotica, dove tutta la tecnologia è nascosta.
Una casa che però ha le sue regole, il Regolamento come lo chiamo: se diventerà mia non dovrò soltanto rinunciare a tappeti, fotografie alle pareti, piante ornamentali, animali domestici o feste con gli amici, ma dovrò plasmare il mio carattere, accettare una concezione della vita in cui il meno è il più, in cui l'austerità e l'ordine sono la purezza, e la sobrietà la ricompensa.
Perché lui vuole così, perché lui è così. Ha voluto sapere tutto di me, mi ha chiesto un elenco di tutte le cose che considero essenziali per la mia vita. Dicono che quest'uomo, dai capelli di un biondo indefinito e dall'aspetto poco appariscente, con gli occhi di un azzurro chiaro e luminoso, sia un architetto eccezionale perché non cede a nessuna tentazione.
Tuttavia, la casa è già stata abitata, una volta. Da una ragazza della mia stessa età, quasi una mia gemella, mi hanno detto. Anche lei, come me, non insensibile al fascino di quest'uomo.
Una ragazza che tre anni fa è morta. In questa casa.
FOCUS ON L'ARCHITETTO
Edward Monkford è uno dei personaggi più importanti del romanzo di J.P. Delaney. E’ strano come, pur non avendo un suo punto di vista ugualmente – attraverso la narrazione di Emma e Jane – venga fuori un ritratto più che dettagliato dell’architetto della casa di Folgate Street N1. Ha successo Edward, eppure non sembra farci caso, non ama il lusso, l’ostentazione, per lui l’importante è l’essenziale, la linearità, la purezza. E’ un uomo discreto, colto, che difficilmente mostra i suoi sentimenti. Si potrebbe pensare che non ha mai amato, e invece sua moglie e suo figlio sono stati la sua ragione di vita, questo finché un tragico incidente non glieli ha portati via lasciandolo solo. In seguito a quell’evento si è trasferito in Giappone dove, se possibile, ha rafforzato ancor di più quella che era la sua concezione di abitazione semplice e lineare. Proprio di ritorno da quel viaggio ha deciso di terminare la casa di Folgate Street N1, stravolgendola completamente, andando ad eliminare alcune vecchie strutture e facendola diventare l’abitazione d’avanguardia di cui tutti parlano. Si potrebbe dire che la casa è un po’ come lui, tanto la casa esige, altrettanto fa Edward, esercitando un perfetto e subdolo controllo sulla vita di Emma prima e di Jane poi. La sua determinazione, la sua sicurezza, la sua posizione, lo portano a volere sempre l’ultima parola su tutto e niente lo distrae da quello che è il suo obiettivo. E’ un uomo sicuro di se, narcisista, che ama far leva sulle debolezze delle persone per sottometterle e prevaricare. Non c’è dubbio che Edward abbia fiducia in se stesso e nelle proprie potenzialità, tanto che è lui stesso a redigere l’assurdo e impossibile contratto di locazione della sua creazione più famosa. Opporsi a quest’uomo così riservato e ambiguo? Impossibile, perché il no, l’opposizione non sono contemplati nella sua esistenza.Edward Monkford architetto senza scrupoli o sociopatico narcisista?
CALENDARIO
Continuate a seguirci, non perdete il prossimo appuntamento! Su Bookspedia vi parleremo della casa di Folgate Street n1

Dal suo sofà
la vostra

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...