lunedì 18 gennaio 2016

Recensione: "La ragazza del 6e" di A.R. Torre

Salve paginette, ^-^
Vi siete riprese da questo lunedì? Io ancora no e tutto questo freddo di certo non migliora le cose :/
Oggi ho finalmente trovato il tempo per scrivere la recensione di un libro che ho finito sabato e di cui volevo parlarvi 

La ragazza del 6e
di A.R.Torre 
Pagine 269 Editore Bookme

  
˙·٠•●♥ Sinossi ●•٠·˙
Una città indefinita degli Stati Uniti, un condominio qualunque, un interno anonimo: il 6E. Lì vive Deanna Madden, alias JessReilley19, il nome con cui si guadagna da vivere. Centinaia di uomini fanno la fila per pagare le sue prestazioni sessuali davanti
alla webcam. Da tre anni non esce dall’appartamento in cui si è volontariamente reclusa, privandosi del contatto con la realtà esterna, con qualunque essere umano. Una scelta per proteggere se stessa e gli altri. Perché il suo segreto, la sua ossessione, sono più inconfessabili di quelli dei suoi clienti. Un giorno, però, accade qualcosa. Qualcosa che attiva in Deanna risorse ed emozioni che credeva perdute. Qualcosa più forte dei suoi demoni, delle sue stesse difese. E che la spinge a uscire…





˙·٠•●♥ Recensione ●•٠·˙
Non si capisce dove siamo. Di certo si sa solo che siamo in America e che lei si chiama Deanna Madden, ma che per lavoro si fa chiamare Jess, per essere più precisi
JessReilly19. Già, perchè Deanna per lavoro fa la webcam girl. Per “soli” 6,99 $ al minuto, Deanna con una connessione, una camera e un buon impianto di illuminazione soddisfa le fantasie sessuali degli uomini, attraverso lo schermo. E lo fa anche molto bene visto che è tra le più richieste, da anni ormai. Così come da anni Deanna si è chiusa in casa, non esce mai, non apre neanche la porta per firmare le ricevute delle miriadi di pacchi che le arrivano. Lo fa Jeremy per lei, un fattorino che ha imparato a conoscere quella destinataria così misteriosa e che per lui è un vero e proprio rebus da risolvere.
Il motivo di questa reclusione è un’ossessione che Deanna ha e che la costringe a star barricata in casa, il più lontano possibile dalle persone.


“Nel 6e controllo tutto, non ci sono variabili a condizionare la quotidianità”


Ma se è vero che le fantasie sessuali degli utenti rendono, è anche vero che ascoltarle non sempre è facile. C’è chi dice che attraverso il sesso virtuale si soddisfa ciò che nella realtà non si ha il coraggio di chiedere, di mostrare, di osare. Ma come la mettiamo se il centro di tutte quelle fantasie è una bambina e neanche una bambina qualsiasi, sempre la stessa, sempre uguale, sempre  lo stesso nome, Annie.
Da qui tutto si complica, perché Deanna capisce che quella bambina è reale che deve fare qualcosa per fermare quel depravato che con le sue parole ha risvegliato i demoni sepolti in lei. E attraverso i suoi pensieri, dando voce a quei demoni, impareremo a conoscere meglio Deanna, e scopriremo il motivo della sua ossessione, probabilmente nata da un orribile trauma che l’ha colpita quando non era altro che un adolescente inquieta.


“Questo dovrebbe essere un viaggio difficile per me, senza distrazioni su una strada deserta. Dodici ore di vuoto, in teoria un pericolo mortale per i miei demoni interiori.”


“La speranza è pericolosa. E’ come un filo, che spunta fuori dalla trama della razionalità. Se lo tiri, tutto si disfa.”


Alessandra Torre ha creato un personaggio incredibile, una donna erotica, carica di emozioni, piena di sentimenti, forte, determinata e attraverso lei ci fa fare un viaggio attraverso un mondo del tutto sconosciuto o quasi.
La voce narrante ovviamente è quella di Deanna, ma ogni tanto faranno capolino anche Jeremy con i suoi sentimenti contrastanti nei confronti della donna e Annie che, attraverso le sue emozioni, ci racconta il giorno del suo compleanno come se fosse in un sogno, del tutto ignara del mostro che incombe su di lei.
Questo è un romanzo bello, sensuale, adrenalinico, angosciante a tratti claustrofobico, ci si immerge completamente nella lettura, e per quanto l’ossessione di Deanna possa sembrare inquietante, alla fine ci si sente parte anche di quella.
La Torre scrive bene, con i giusti tempi, e si vede che scrive con cognizione di causa, si è documentata molto circa il mondo che andava a trattare e devo dire che quasi quasi un pensierino ce lo faccio anch’io se i guadagni sono quelli! Hihihihihi!
Un thriller mozzafiato, con un finale che ho adorato perché lascia nel lettore un senso di speranza anche per un’anima che - all’apparenza - potrebbe considerarsi “persa” come quella di Deanna.
Una standing ovation - da parte mia - per Alessandra Torre, ci sta tutta!


E ora vado a meditare un eventuale cambio di lavoro... eheheheh! XD
La vostra


6 commenti:

  1. Uh, ce l'ho da un bel po' di mesi (anni?) ma devo ancora leggerlo. Ne ho sempre sentito parlare bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio! Se lo leggi, fammi sapere che ne pensi ^.^

      Elimina
  2. Complimenti per la bellissima recensione.. Mi hai molto incuriosita, sembra un thriller davvero particolare, me lo annoto subito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta, è davvero un libro particolare e se ti piace il genere non rimarrai delusa ^.^

      Elimina
  3. Ciao Ophelie, mi hai davvero convinta con questa recensione!! Cercherò di procurarmi presto questo libro, grazie!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...