sabato 7 maggio 2016

Recensione: "Volevo essere Sailor Moon" di Federica D'Ascani

Buongiorno paginette! ^^
Comincio subito col dire che per almeno due giorni non voglio sentir parlare di lavoro.
Voglio solo rilassarmi e cercare di concentrarmi di più sulle mie amate letture, che ultimamente - vuoi per impegni, vuoi perchè troppo impegnata ad essere lo spot ambulante della "casalinga modello" (pare vero) - ho un po' tralasciato... e non si sa quanto debba recuperare.
Oltretutto, è tornato anche il caldo e il polline, questo significa che subirò l'ennesima trasformazione. I miei occhi già si stanno gonfiando, il naso non accenna a voler collaborare nella respirazione e le labbra si sono gonfiate di nuovo. Se non fosse per il mio pallore sembrerei la copia sputata della Mamy di "Via col Vento", ci manca solo che inizi a dire "Zi, Miss Rossella!" e siamo a posto. >.<


Volevo iniziare questa giornata parlandovi del romanzo di Federica D'Ascani, "Volevo essere Sailor Moon". ^^


"Volevo essere Sailor Moon" di Federica D'Ascani

Titolo: "Volevo essere Sailor Moon" ♥ Autore: Federica D'Ascani ♥ Pagine: 110 ♥ Editore: Rizzoli Youfeel ♥ Genere: Contemporary romance ♥ E book: € 2,49 

Sinossi  
Bea sarebbe una ragazza solare. Ma lavora per i quattro malvagi delle tenebre, è fidanzata da anni con Emiliano, ha una vita grigia e piatta quanto può esserlo un pollo ai ferri, e la sua amica Daniela non perde occasione di rimarcarlo. Però a Bea basta parlare al telefono con Simone, il nuovo collega della sede di Rimini, perché il suo cuore batta impazzito. Il Tuxedo Mask romagnolo, con la voce roca e il temperamento esplosivo, sembra uscito direttamente da un sogno, e quando finalmente Bea lo incontra dal vivo è magia. Non importa che gli occhi di Simone non siano azzurri come quelli del bel Cavaliere della Luna… Bea ne subisce il fascino come fosse Sailor Moon: tredicenne, imbranata, innamorata. Ma la vita reale è lì che incalza, con le figuracce sul lavoro, il fidanzato sbiadito, la canasta a Natale, e un’amica che nasconde qualcosa di grosso… eppure forse è proprio in un momento così che bisogna trovare il coraggio di fidarsi di un cavaliere misterioso. E liberare la guerriera impacciata ma grintosa che si nasconde dietro alla maschera dell’impiegata seria e posata.
Dall'autrice di “L’istinto di una donna” e “Splendido come il sole di Tulum”, una commedia brillante e audace, magica e appassionata, e sorprendentemente divertente. Com’è l’amore quando è quello vero. 


Recensione 

A Bea sembra che per un passo avanti che fa, ne compie due indietro. Un lavoro stabile alle dipendenze di quattro soci che - al confronto - i quattro cavalieri dell’Apocalisse sembrano essere Angeli. Un’amica, Daniela, che come ogni “grande amica” (?) è sempre pronta a farle notare i punti dolenti della sua esistenza e un ragazzo - Emiliano - con il quale ha un rapporto stabile da circa 15 anni. Cosa la sfianca? La routine. Ma non quella lavorativa, di certo non Daniela che - nonostante tutti i suoi difetti - è sempre al suo fianco, pronta a sorreggerla. E’ la routine del rapporto di coppia.
Se è vero che ci sono coppie che si amano da una vita, è anche vero che ci sono coppie che ad un tratto si fermano e non si muovono più, ristagnano in un sentimento che non si sa più cosa sia. Amore? Abitudine? Affettuosa amicizia?
E Bea, dopo 15 anni con Emiliano, si ritrova a questo punto. Insomma, per dirla in modo breve, "Emiliano è bello ma non balla"!
O perlomeno non fa più ballare il cuore di Bea, che sembra aver preso a saltellare per un altro uomo, Simone. Un collega romagnolo con la battuta sempre pronta che con la sua sfrontatezza e la sua ironia annienta praticamente ogni sua difesa.
In occasione della cena natalizia organizzata dai suoi 4 “malefici capi”, Bea avrà l’occasione di incontrare questo ragazzo tutto sorrisi e simpatia e lì capirà che non può più rimandare il confronto. Con Emiliano? No! Con sé stessa! Perché arriva un momento in cui una donna deve guardarsi allo specchio e parlarsi a cuore aperto, cercando di far chiarezza per decidere finalmente quale percorso percorrere, quale direzione dare alla sua vita.
Mi è piaciuto molto questo romanzo di Federica D’Ascani, che unisce abilmente ironia e amore. Situazioni imbarazzanti, fraintendimenti e una protagonita, Bea, che è una donna in cui mi sono rispecchiata totalmente. E’ simpatica, un po’ imbranata, colleziona una  figuraccia dietro l’altra e che spesso e volentieri si ritrova a parlare… da sola! Dando voce a quei pensieri che le girano per la testa e che sembrano trovar più forza e concretezza se detti ad alta voce.
Come trova voce quella paura e quell’insicurezza che l’attanaglia, perché Bea è una donna che in fondo ha bisogno, proprio come tutte le anime confuse, di essere salvata. Salvata da  un amore che non le scalda più il cuore, da un uomo che ormai non le presta più le giuste attenzioni e che forse - brutto a dirsi - ha fatto il suo tempo. E per fare tutto questo c’è bisogno di un eroe. Magari un eroe come quello degli anime tanto amati dalla sua amica Daniela, che a furia di citazioni, l'ha contagiata con la sua passione.
Un eroe magari come Tuxedo Mask che, rosa alla mano, salvò la sua Usagi da un destino ormai segnato.


dal suo sofà
la vostra  

14 commenti:

  1. ma che carino questo libro devo segnarmelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto carino, ma allo stesso tempo ci sono molti spunti di riflessione. L'ho trovato delizioso ♥

      Elimina
  2. Carinissima questa recensione!
    Usagi/Bunny resta sicuramente la mia eroina preferita (dopo Belle della Disney), quindi questa storia potrebbe finire per piacermi davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se cerchi qualcosa di divertente ma che, allo stesso tempo, ti faccia "sognare" te lo consiglio davvero. Bea è veramente divertente ^^

      Elimina
  3. Ciao! Come trama non mi ispira molto, ma il titolo e la cover sono stupendi, ho una passione per questo cartone xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo guardavo sempre... nonostante fossi già un po' troppo grande per i cartoni animati, ma li adoro! XP

      Elimina
  4. Ciao! Mi è piaciuta la tua recensione, credo lo inserirò nella mia lista di libri da leggere :)

    RispondiElimina
  5. Uhhhh anche a te è piaciuto :3 Ammetto che con i youfeel ho un rapporto di ODIO/amore/ODIO, ma questo qui è davvero carino *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maggior parte delle volte mi piacciono, sono leggeri e mi portano sempre allegria. Sono per il mood ironico e questo l'ho adorato ^^

      Elimina
  6. Ciao, mi ero imbattuta tempo fa in questo libro ma non l'ho letto, però ne ho riportato la recensione sul forum dove ne parlavamo

    http://freeforumzone.com/d/11268269/Volevo-essere-Sailor-Moon/discussione.aspx

    RispondiElimina
  7. Arrivo in netto ritardo e me ne dispiace, ma volevo ringraziarti di cuore perché sei stata stupenda! Sono davvero contenta ti sia piaciuta la mia Bea <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Che piacere ^^
      Ho adorato Bea, la sento molto simile a me <3

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...