lunedì 13 giugno 2016

Recensione: "Dark Heart" di Kresley Cole

Buon pomeriggio paginette ^^
Come state? E' da tanto che non ve lo chiedo. Io sono uscita indenne ( o quasi) da questo lunedì anche se, stamattina un pensierino a tirare la sveglia al muro l'ho fatto. ^^
Tanto si sa che io prendo sempre le cose con filosofia! XD
Ma tanto è inutile, per quanto posso ignorarla, la maledetta continua a suonare... è una battaglia persa e il dovere chiama. ^^

Oggi volevo parlarvi dell'ultimo romanzo letto (un grazie di cuore a Ludovica), ovvero "Dark Heart" di Kresley Cole, una vera e propria...SORPRESA! XD


Titolo: DARK HEART
Autore: Kresley Cole
Serie: Gli Immortali, #15
Editore: Leggereditore
Genere: Paranormal romance
Pagine: 313
Data di pubblicazione: 19 maggio 2016
Sinossi 

Orfana ed emarginata, Josephine è cresciuta senza poter conoscere la sua vera natura. I poteri che solo lei possiede la rendono qualcosa di diverso da ogni altro essere, ma cosa? Il suo fratellino Thaddeus, al contrario, è un essere perfetto che lei ha giurato di difendere a ogni costo. Così, quando il piccolo viene rapito, Josephine parte alla sua ricerca in un’avventura proibitiva, che la esporrà ai pericoli più grandi ma che forse, alla fine, le permetterà di scoprire chi è veramente. La sua strada incrocerà quella del letale Rune, essere soprannaturale inviato sulla terra per uccidere la più antica Valchiria vivente. Per Rune, che non conosce il fallimento né come assassino né come amante, l’incontro con Josephine sarà sconvolgente e lo trascinerà in un vortice di doloroso piacere, fino a comprometterne i segreti più profondi... Riusciranno Rune e Josephine a compiere il destino per cui sono nati?
Una storia ricca di avventura e desiderio, il quindicesimo capitolo della serie bestseller Gli Immortali.






E così anche il quindicesimo volume della saga “Gli Immortali” di Kresley Cole è arrivato. Quando ho cominciato a leggerlo non vedevo l’ora di immergermi di nuovo nella battaglia, ritrovare Nix e la coalizione dei Vertas, intenti a fermare l’Ascesa e invece – a lettura iniziata – la sorpresa!. Kresley Cole ha mischiato tutte le carte in tavola, ampliando il terreno di gioco e portandomi a stare, per una volta, nei panni dei “cosiddetti” cattivi ovvero Orion e i Møriør. Ma procediamo con ordine.
I protagonisti di questo romanzo sono Rune Darklight, fedele arciere sanguenero di Orion e Josephine, metà vampira e metà… ignota. Ora so cosa vi starete chiedendo, che di sicuro è la stessa domanda che mi sono posta anch’io, chi sono Rune e Josephine? Personaggi nuovi attorno ai quali la Cole ha basato l’intero romanzo. Devo ammetterlo, questa donna non finisce mai di stupirmi! Ma torniamo alla storia. Josephine non ricorda praticamente nulla di sé, la sua memoria comincia dagli 8 anni in poi. Cresciuta praticamente da sola, ha badato a sé stessa e al fratello minore Thaddie, crescendolo come se fosse suo figlio. Costretta a separasi da lui ancora ragazzina, cresce sempre più solitaria in una New Orleans notturna, cupa e losca. La sua è un’esistenza fatta di poche certezze e due soli scopi, ritrovare suo fratello e trovare qualcuno che le dia quella stabilità che non ha mai avuto. Di una sola cosa è certa, lei non è come tutti gli altri, sente dentro di sé uno strano potere che cresce ma a cui non sa dare una definizione. Sarà proprio l’incontro con Rune a fornirle tutte le spiegazioni e le risposte alle sue domande. Ma l’arciere si rivelerà essere anche la sua “dannazione”. 
Fin dal primo momento in cui i due si conoscono, una forte attrazione li lega e complicherà – laddove sia possibile – ancora di più le cose. Accomunati da un passato per nulla facile e complici in una caccia comune, Josephine e Rune si ritroveranno spesso vittime e carnefici di loro stessi. Attrazione e repulsione, questo è quello che li unisce e divide, un eterno tira e molla che sarà il filo conduttore di questo romanzo. Ma si sa, in un romanzo della Cole nulla è mai semplice e tutto è possibile. 
Scritto molto bene e intriso di erotismo, questo romanzo ha avuto il potere di dividere i fan della serie. C’è chi non lo ha apprezzato, chi lo ha considerato un inutile diversivo, chi non ha capito bene la sua utilità all’interno della storia, non gradendo l’inserimento dei due nuovi personaggi. Da parte mia, posso dire che mi è piaciuto molto. Ho apprezzato Rune e Josephine, trovandoli particolari e affascinanti e la storia, per nulla scontata. Ma c’è un altro fattore che me lo ha fatto apprezzare: l’incognita. Già, perché se come altri lettori, mi sono chiesta il perché di Rune e Josephine, dall’altra mi sono detta: “E se i cattivi non fossero poi i veri nemici?”. Pensateci, perché come ho già avuto modo di dire prima, con la Cole nulla è scontato e tutto è possibile, persino che i cattivi si rivelino alla fine i buoni. Ma ahimè, temo che per la risposta dovrò attendere la tanto agognata Ascesa.




dal suo sofà
la vostra





2 commenti:

  1. Ne ho sentito parlare benissimo di questo romanzo! <3
    Hai un blog molto carino che non conoscevo, con una grafica dolcissima :-)
    Mi sono unita ai tuoi lettori, se ti va passa da me: www.amicadeilibri.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto a che se molti fan della serie, una volta letto, ne sono rimasti un po' delusi. Arrivo subito ^^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...